Capri

Andrea Di Cesare

Trona indietro
  • 01
  • 02

Andrea Di Cesare, Olim, 2015

Neon, pietre, dimensione ambiente

Location: Scalinata Hotel Syrene, Capri - Fino al 3 Novembre

Olim (che in latino significa "c'era una volta") è un lavoro legato alla luce, la luce di un Nimbo che ha sempre rappresentato l'integrità pura di una figura sacra, la luce divina che illumina la strada del fedele.
La figura sacra non abita più i luoghi prestabiliti dai fedeli, al loro interno sono rimaste solo le luci che illuminavano quelle figure.
Il pensiero che sta alla base di Olim è l'idea dell'abbandono totale del corpo fisico, di cui rimane soltanto traccia ancestrale; la luce dunque resta depositata direttamente a terra. Non c'è però incertezza in questo abbandono, ma consapevolezza: l'affermazione cosciente di una assenza fisica e... luce continua.

Foto di Claudia Ferri

Bio Breve

Andrea Di Cesare (Pescara, 1977) vive e lavora a Milano.

2014 - ARCHIVUM
Schmid Production, Milano
2014 - LIVE EVIL
Ultra Studio, Pescara
2012 - HI
spazio disabitato, Pescara
personale a cura di Emanuela Barbi
2012 - FESTIVAL COMMA
Palazzo della Penna, Perugia
a cura di Rocco Pezzella
2010 - IL VOLO
Aurum, Pescara
a cura di Marcella Russo
2009 - PROGETTO VERNICE
Pescara
a cura di Mauro Bianchini
2007 - FREESHOUT!?
ex Mattatoio, Prato
2005 - OCCHI NUOVI
Spoltore Ensemble, Spoltore
a cura di Antonio Zimarino e Sibilla Panerai
2005 - ZONE TEMPORALI
ex Mattatoio, Pescara
a cura di Luigi Pagliarini

Il suo processo ha inizio con il writing nel 1989.