Capri

Andrea Aquilanti

Trona indietro
  • 01
  • 02

Andrea Aquilanti, Madre Serafina di Dio, 2015

Installazione interattiva dimensioni ambiente

Location: Refettorio Chiesa di San Michele ad Anacapri

L'opera per Anacapri è completamente dedicata al piccolo paese collinare dell'isola. Il suo intervento è in uno dei pochi luoghi che i cittadini del comune hanno a disposizione per esprimere pubblicamente la propria creatività e la propria arte. Con la sua installazione interattiva Andrea Aquilanti ingloba l'architettura Settecentesca dell'antico Refettorio della chiesa di San Michele Arcangelo e con essa contemporaneamente anche tutto ciò che avviene al suo interno. L'attenzione mediatica e critica ottenuta dall'artista quest'anno con la sua contemporanea presenza al Padiglione Italia della Biennale di Venezia diventa così una occasione di visibilità per tutti gli artisti locali che scelgano il refettorio come luogo d'espressione.
La sua installazione si aprirà così con la mostra personale Déjà vu dell'artista napoletana Patrizia Gargiulo.
Aperta dalle 16:00 alle 19:00 - Fino al 5 Ottobre.
Foto di Claudia Ferri

Bio Breve

Andrea Aquilanti nasce a Roma nel 1960, dove vive e lavora. Avvalendosi di diversi mezzi espressivi - dal disegno alla fotografia, dalla pittura al video - l'artista procede sul confine tra realtà e rappresentazione, attingendo a un archivio di immagini continuamente sottoposto a processi di reinterpretazione. Trasparenze, riflessi, ombre sono elementi chiave della ricerca che contribuiscono a rendere le figure impalpabili ed evanescenti. Grazie alla compresenza e stratificazione di tecniche diverse, le sue opere suggeriscono uno strappo spazio-temporale che, a partire dalla memoria storica, si carica di segni e significati contemporanei. Tra le sue mostre più recenti, le personali nella Chiesa di S. Maria in Montesanto a Roma (2013) e nella galleria De Crescenzo&Viesti (2013), insieme alla partecipazione alla V Biennale di Pechino (2012) e alla mostra Post-classici al Foro romano e al Palatino di Roma (2013).