Capri

Konstantin Khudyakov

Trona indietro
  • 01
  • 02
  • 03

Konstantin Khudyakov, Adam - icon case, The Birth of the Star, Golden Bullet, Three sisters

Installazione di 4 3D-mirror di 63x63 cm

Location: Studio Lab - Via Vittorio Emanuele 50, Capri

Khudyakov mescola lo spazio del dietro lo specchio e la realtà del mondo, creando così un proprio mondo parallelo. In questo progetto si osserva il decadimento dei legami tra le epoche: passato, presente e futuro iniziano a cambiare le loro posizioni di fronte allo spettatore. Lo spettatore entra in contatto con un mondo parallelo, una particolare forma di vita reale-virtuale. In passato le persone associavano gli specchi ad un mondo parallelo. Si credeva che gli specchi ricordassero tutto ciò che fosse successo di fronte ad essi. Inoltre, si credeva che potessero non solo riflettere, ma anche assorbire l'energia e i sentimenti della persona che si stesse specchiando. Alcuni fisici moderni ritengono che gli specchi contengono a livello molecolare tutte le immagini, che vi sono state riflesse, e un giorno impareremo a percepire tali informazioni. L'artista ha imparato a fermare il tempo in un suo modo speciale.

Courtesy Gromova Gallery, Moscow

Bio Breve

Konstantin Khudyakov è nato nel 1945 a Saratov Region, Russia. Si è laureato al Architectural Institute di Mosca (Accademia di Stato); è il presidente del sindacato creativo di artisti russi e del consiglio del Centro delle Arti Moderne M'ARS; membro dell'Unione degli artisti di Mosca.
Nel 1965 è entrato nel Moscow Architectural Institute (MARCHI): pittura e museografia furono le sue principali occupazioni e campi di ricerca creativa per quasi quindici anni.
Dopo la laurea (1971) Chudjakov fu nominato dal MARCHI a dirigere la sezione artistica del Museo Centrale Lenin e progettà numerosi musei Lenin in diversi paesi (Europa orientale, Finlandia, Svizzera, Francia, Yemen) per dieci anni.Contemporaneamente, ha continuato a dipingere e ha sviluppato molto interesse per nuove tecnologie da applicare alla creazione di nuovi strumenti di rappresentazione.
Fu uno dei primi pittori di Mosca ad utilizzare un aerografo. Dal 1978 al 1988 Chudjakov è stato uno dei pittori più importanti del gruppo denominato "Venti Artisti di Mosca".
Le sue prime opere realizzate con le tecnologie digitali - fotografia digitale e Photoshop - sono datate 1997-1998. Oggi Khudjakov è convinto che lui e il computer costituiscono un tutto: è giunto ad una completa integrazione del suo lavoro con lo strumento tecnologico.